giovedì 30 dicembre 2010

Paula de Jesus (PD): “Nell’assemblea partecipativa aperta alla cittadinanza sull’ampliamento del Porto di Roma, il Municipio XIII chiama la polizia."

Paula de Jesus (PD): “Nell’assemblea partecipativa aperta alla cittadinanza sull’ampliamento del Porto di Roma, il Municipio XIII chiama la polizia in tenuta anti-sommossa per discutere di un’opera strategica contro gli interessi pubblici”

“Un porto a rischio idrogeologico che costruirà un nuovo molo lungo oltre 2 km, dove parcheggeranno 650 auto. Una società proponente che verserà al Comune di Roma un milione di euro per riqualificare chissà quando Tor San Michele, ora del Demanio. Un'Autorità di Bacino, quella del fiume Tevere, che impone procedure 'delocalizzative' per l'Idroscalo di Ostia ma che 'dimentica' di rappresentare nel suo Piano Stralcio n.5 le strutture del porto a rischio. Questa, in sintesi, l'opera strategica (così la definisce il Comune) dell'ampliamento del porto di Ostia, discussa ieri nell'aula Di Somma del XIII Municipio, blindata dalla Polizia in tenuta antisommossa. Nessuna novità rispetto allo scarno documento illustrativo del progetto messo a disposizione sul sito internet del Dipartimento di Urbanistica dal 1° dicembre. Il molo (che non si può più definire tale) non ha neppure ricevuto ancora la variante di destinazione urbanistica, necessaria in quanto ospita centinaia di parcheggi a servizio dei posti barca. Di fronte ad un nervoso G. Vizzani, Presidente del Municipio, e ad un distratto F. Ghera, Assessore Comunale ai LL.PP., e ai pochissimi consiglieri municipali, i comitati e le associazioni presenti (LabUr, Comitato Civico 2013, Severiana, Comunità Foce del Tevere, Consorzio Nuovo Idroscalo) hanno espresso forti e puntuali critiche, non solo al procedimento di partecipazione, ma soprattutto al contenuto del progetto, che si inserisce con violenza nel delicato tessuto sociale di Ostia Ponente e dell'Idroscalo. L'unica voce a favore, quella dell'Associazione Culturale Litorale Romano, presieduta da Gerardo Zaccaria, padre del consigliere municipale, Luigi Zaccaria. L'incontro è iniziato con 75 minuti di ritardo, con la Polizia che controllava, manganelli bene in vista, uno a uno l'ingresso dei partecipanti, con le strade laterali al Municipio (via Claudio e via Celli) presidiate dai Carabinieri e in assenza della stampa nazionale, a parte due emittenti televisive locali. Questa sarebbe l'attenzione rivolta a un'opera strategica ? Questi sono i modi di far partecipare i cittadini ? Ancora una volta l’amministrazione mostra zero rispetto per gli interessi pubblici e solo grande attenzione per quelli privati” – dichiara Paula de Jesus, dirigente del PD e urbanista di LabUr.


sabato 25 dicembre 2010

Buon Natale

Siamo figli dell'epoca,
l'epoca è politica
Tutte le tue, nostre, vostre
faccende diurne, notturne
sono faccende politiche.
Che ti piaccia o no,
i tuoi geni hanno un passato politico,
la tua pelle una sfumatura politica,
i tuoi occhi un aspetto politico.
Ciò di cui parli ha una risonanza,
ciò di cui taci ha una valenza
in un modo o nell’altro politica.
Perfino per campi, per boschi
fai passi politici
su uno sfondo politico.
Anche le poesie apolitiche sono politiche,
e in alto brilla la luna,
cosa non più lunare.
Essere o non essere, questo è il problema.
Quale problema, rispondi sul tema.
Problema politico.
Non devi neppure essere una creatura umana
per acquistare un significato politico.
Basta che tu sia petrolio,
mangime arricchito o materiale riciclabile.
O anche il tavolo delle trattative, sulla cui forma
si è disputato per mesi:
se negoziare sulla vita e la morte
intorno a uno rotondo o quadrato.
Intanto la gente moriva,
gli animali crepavano,
le case bruciavano
e i campi inselvatichivano
come in epoche remote
e meno politiche.


(W. Szymborska)

domenica 19 dicembre 2010

Natale all'Idroscalo di Ostia



"Abbiamo costruito con quello che il Tevere ci porta un albero di Natale ecosostenibile nella piazza della vergogna, dove il 23 Febbraio 2010 sono state abbattute 38 case. E’ il primo atto di un vero progetto di riqualificazione che la Comunità dell' Idroscalo porterà avanti nei prossimi mesi ... " (Comunità Foce del Tevere)

martedì 14 dicembre 2010

Banda Bassotti: 314-311



Ogni scandalo ne rivela anche un altro: a Roma infrangono le regole per dare soldi agli amici e alle onorevoli vacche, negano i soldi per le necessità del paese.
«Dall´abisso nel quale siamo stati trascinati bisognerà pure cominciare a risalire. Ma senza vera intransigenza politica e morale qualsiasi ricostruzione sarà assai difficile» (Stefano Rodotà)

lunedì 13 dicembre 2010

Idroscalo di Ostia, scogliera a mare - de Jesus (PD): "L'Ardis deve consegnare i lavori"

Dopo settimane di false dichiarazioni, la verità. La gara è stata aggiudicata alla Impre.Dor. ma è l'agenzia della Regione che deve accelerare i tempi burocratici per l'inizio lavori.



"Nel marasma di dichiarazioni tutte infondate susseguitesi in queste ultime 5 settimane, da destra come da sinistra, relative a fantomatiche date di inizio lavori a novembre o ritardi dovuti a problemi burocratici di concessione delle aree, informiamo che è stata aggiudicata in maniera definitiva dalla Regione Lazio la gara della scogliera a mare per la difesa dell'abitato dell'Idroscalo di Ostia. Si è ancora in attesa di stipulare il contratto, mentre sarà l’ARDIS a consegnare i lavori. Ricordiamo che la ditta vincitrice è la Impre.Dor. srl, con sede legale in Via Capanne di Marino n.2/C, Ciampino (Roma), lo stesso indirizzo della società Idra.Mar. srl, esperta in lavori di difesa e sistemazione idraulica, fluviale e marittima, di cui la Impre.Dor. si servirà secondo la forma giuridica dell’avvalimento. I tempi di realizzazione saranno di 200 giorni naturali e consecutivi (7 mesi) a decorrere dalla consegna dei lavori." - dichiara Paula de Jesus dirigente del PD e urbanista di LabUr.

domenica 12 dicembre 2010

Natale 2010: Dal "Patto per Ostia" al "Pacco per Ostia".

Mancano pochi giorni a Natale e come ogni anno puntualmente arriveranno gli auguri del mini sindaco Giacomo Vizzani. L’anno scorso si era sperticato ad elencare gli impegni mantenuti, soprattutto quello del (mai pervenuto) decentramento. Dopo due anni e mezzo dall’insediamento di questa amministrazione non vediamo l’ora di ascoltare quelli di quest’anno, che sconfineranno dalla tragedia alla farsa.

Così scriveva Vizzani in campagna elettorale: “Ho siglato con il candidato sindaco di Roma del Pdl, on. Gianni Alemanno, il “Patto per Ostia”. Un accordo in più punti per risolvere, in caso di vittoria alle elezioni amministrative del 13 e 14 aprile prossimo, i problemi più urgenti per Ostia e il XIII Municipio ... In caso di vittoria sono pronto a impegnarmi fin dal primo giorno per risolvere le emergenze inserite nel Patto” .

Ecco l'elenco completo delle emergenze:

“… quello della Mobilità, con la creazione lungo la ferrovia Roma-Lido della nuove stazioni di Malafede e Dragona Sud … e la completa equiparazione del treno di Ostia al metro’ di qualunque stazione romana, sia in frequenza delle corse sia in orario di chiusura del servizio pubblico.”

Non c’è nulla e si è persino scoperto che manca il cavalcavia tra Acilia e Dragona, mentre continuano i pesantissimi disservizi sulla Roma-Lido.

“…la realizzazione di una metropolitana di superficie lungo via Cristoforo Colombo con prolungamento fino a Torvaianica.”

Avendo visto che era troppo semplice prolungarla fino a Torvajanica, Vizzani ha deciso di ripensare completamente il progetto sostituendolo con quello della “Metropolitana del Mare”, da Montalto di Castro a Gaeta. (Fonte: URIA)

“… oltre al completamento delle complanari in via Cristoforo Colombo.”

I finanziamenti delle complanari sono passati dalla voce "alienazione", forse a quella di "mutuo", sicuramente a quella di "elargizioni filontropiche" di Parnasi, presso l'aula Massimo di Somma alle 6 del mattino (senza che nemmeno Parnasi lo sapesse), a quella di "Ecclestone con la F1", fino a quella relativa allo "spostamento dei ministeri lungo la C. Colombo" ... Insomma, si mormora che abbiano deciso di non realizzare più la terza pista di Fiumicino perché le complanari saranno talmente larghe da accogliere due Airbus 380 affiancati o l’Antonov AN-225 o addirittura il gigante russo Kalinin K-7

“… all’unificazione della via del Mare con l’Ostiense.”

E’ di questi giorni la notizia che il Comune di Roma non ha un solo euro da destinare a quest’opera.

“… e alla costruzione della tangenziale che colleghi la C. Colombo e la via del Mare per unirsi all’autostrada Roma-Fiumicino tramite il futuro ponte che attraverserà il Tevere all’altezza di Dragona”.

Dunque … vediamo … (non so da dove cominciare perché mi viene da ridere) … Vizzani ha deciso che il Ponte di Dragona non si farà più perché si è accorto che le iniziali sono quelle del Partito Democratico. Però dal punto in cui era previsto il Ponte di Dragona fino alla Via del Mare, Vizzani ha barattato con Ciocchetti tutta l'area dell’agro romano perché possa farci l’housing sociale, in cambio di una 'grande opera strategica': il sottopasso Dragona-San Giorgio-Madonnetta-Axa-Infernetto, che si raccorderà con quello di Parnasi all'Infernetto, così che più che una tangenziale sarà una circolare da unificare con la complanare sopradescritta. I lavori inizieranno la vigilia di Natale e non abbiamo motivo di non crederci perché in questi giorni è stato avvistato l’Ass. "al Verde" Innocenzi con il diserbante sulle aree dei PVQ.

“… l’inserimento degli Scavi archeologici nei “pacchetti turistici” venduti per Roma a livello nazionale internazionale.”

Finalmente un risultato raggiunto: venduti li ha venduti, ma non ai turisti bensì al Commissario Straordinario, dimostrando così una vera e propria capacità di demolire, come a Pompei, quello che per 2000 anni è resistito alle intemperie. L'unico investimento sostenuto da Vizzani è quello relativo alla ristrutturazione dei “cessi” del Teatro di Ostia Antica.

“ … il recupero della ex colonia marina “Vittorio Emanuele II” per essere utilizzata quale Porta di Roma sul Mediterraneo (luogo di incontri, centro congressi, Università del Mare).”

Non è stato fatto nulla, in compenso ha ricevuto la laurea "honoris causa" per il Mare di Boiate dette in due anni e mezzo di mandato.

“… la riapertura della scuola alberghiera presso l’Enalc Hotel.”

E’ di pochi giorni fa la notizia che presso l'Enalc, invece dei fondi, è stato inviato un biliardino e un tavolo da ping pong. La riapertura dell'ex Enalc Hotel è lontana. I futuri chef sono stufi di vedere ridotti i soldi per la spesa e le ore di pratica. (Fonte Il Messaggero)

“… la tutela e la pulizia di parchi e pinete da trasformare in punti di aggregazione per l’ecoturismo.”

Il verde è sparito completamente, in compenso mentre l'Ass. "al Verde" Innocenzi piange perché non ha "un solo euro da spendere per la manutenzione del Municipio più verde di Roma”, Vizzani rilancia proponendo mega progetti: dal Parco Fluviale all’Idroscalo di Ostia, alle onde artificiale per i surfisti sulle dune di Castel Porziano, agli impianti sciistici artificiali in fondo alla C. Colombo. (Fonte: dichiarazioni ufficiali rilasciate alla stampa)

“… E’ necessario istituire apposite sezioni di Polizia Turistica, per prevenire i reati nelle aree frequentate dai turisti. Mentre per la sicurezza cittadina è necessario incrementare il numero di vigili, poliziotti e carabinieri di quartiere e aprire un nuovo commissariato nell’hinterland del XIII Municipio.”

Di commissariati nemmeno l’ombra, le 'lucciole' sono sempre al loro posto, i reati sono aumentati, soprattutto il “pizzo”. Più che la Polizia Turistica avremmo bisogno di Pulizia


“…emergenza Scuola: il XIII Municipio è il più giovane di Roma, con un’età media di 26 anni e migliaia di nuove famiglie con bambini che vi si trasferiscono ogni anno. Risultato: nel 2007 oltre 1.000 bambini sono rimasti fuori dagli asili nido comunali per mancanza di posti.”

Vizzani ha dichiarato di aver abbattuto del 50% le liste di attesa, peccato che ci sia qualcosa che non torna tanto che stanno indagando le Fiamme Gialle su le ipotesi di reato di abuso di potere e omissione di atti d' ufficio. Le liste di attesa di bimbi che aspettano un posto in un nido comunale o convenzionato sono infatti lunghissime e nei nidi comunali ci sono ancora posti vuoti. Ma mamme e papà sono costretti a spendere fino a 500 euro al mese per pagare strutture private, mentre posti comunali (per i quali si spenderebbe al massimo 90 euro a bambino) restano appunto vacanti. Addirittura è stato denunciato che è lo stesso ufficio nidi municipale ad aver indirizzato bambini verso strutture private. E quei posti pubblici sono e restano scoperti. (Fonte: La Repubblica)

Più che un "Patto per Ostia", Vizzani ha fatto l'ennesimo “Pacco per Ostia” anche questo Natale.

Auguri Presidente! Per quanto ci riguarda ... dopo Babba Renata, abbiamo "U babbu du paisi".


12.12.1969 - Strage di Piazza Fontana

Io non dimentico ...



mercoledì 8 dicembre 2010

Roma nonviolenta - Assemblea annuale dell'Associazione Radicali Roma

Il mio intervento:



Tutti gli interventi su: http://www.radioradicale.it/scheda/316948/roma-nonviolenta-assemblea-annuale-dellassociazione-radicali-roma

lunedì 6 dicembre 2010

Ostia. Alemanno bruciato ancora una volta

Due a Zero per i nostri flash mob contro gli annunci di Alemanno. Dopo la finta convocazione degli Stati Generali della Città, annunciata il 15 maggio 2009, che doveva tenersi entro la fine dell'anno scorso ma che è stata rimandata al 25 gennaio del 2011, eravamo certi che simili figuracce non si ripetessero più. Invece no. Dopo non essere venuto ad Ostia il 21 novembre, dopo aver saltato il primo anniversario del finto decentramento amministrativo di Ostia del 24 novembre, adesso Alemanno salta anche la visita prevista ad Ostia del 7 dicembre. L'aveva ufficializzata lo stesso XIII Municipio, facendo spargere la voce dai suoi consiglieri di maggioranza secondo i quali il 7 dicembre Alemanno sarebbe "venuto ad Ostia a presentare il progetto di riqualificazione del Lungomare e ad incontrare i residenti dell'Idroscalo". Invece così non è stato e Alemanno ha preferito inserire nella sua Agenda l'evento presso l'esedra di Marco Aurelio in Campidoglio dal titolo "Riqualificazione e valorizzazione dell'Area Archeologica Centrale". Per il sindaco di Roma è più importante discutere delle auto intorno al Colosseo piuttosto che degli ingorghi quotidiani sulla Cristoforo Colombo. Ne prendiamo atto e poiché non c'è due senza tre, annulliamo il nostro flash mob rilanciandolo al prossimo annuncio. In altre parole: flash mob batte flop 2 a 0. Ma la tripletta è vicina. (da Ostia Spa)

-----------------------------------------

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO - 06.12.2010

Associazione Culturale 'Colere Cultura' (Giulio Notturni)

Associazione Culturale 'Severiana'

Comitato Civico 2013

Comunità Foce del Tevere

LabUr – Laboratorio di Urbanistica

Leonardo Ragozzino – coordinatore SEL Ostia Levante

Pierina Camilli - coordinatore SEL Ostia Ponente

Riccardo Corbucci e Paula de Jesus - dirigenti PD

Simona Mignozzi – coordinatore municipale IDV XIII Municipio

Referendum sulla Formula 1: ad Alemanno gli "romba" il cervello


Alemanno: "Sulla Formula 1 pronti a fare un referendum"

Incontrando i comitati contro il GP all'Eur il sindaco annuncia l'intenzione di promuovere una consultazione popolare.

Risponde il PD:

I prossimi 17 e 18 dicembre il Pd Roma organizzerà un referendum per conoscere l'opinione dei residenti dell'Eur in relazione all'ipotetico Gp di Roma di Formula 1 che dovrebbe corrersi dal 2012. Allestiremo dei gazebo nella zona indicata da Alemanno e da Flammini e cioè quella dove dovrebbe svolgersi la gara e sentiremo il parere della popolazione residente. Si potrà votare esibendo un documento che certifichi che si abita in quella zona. Siamo costretti a questa iniziativa perché non ci fidiamo più del sindaco: da oltre due anni aspettiamo i progetti ufficiali del Gran Premio e le costruzioni complementari che si abbatteranno sul territorio, ma per ora abbiamo sentito tante parole e visto zero progetti. Per questo ora interveniamo noi e chiederemo come la pensano realmente i cittadini dell'Eur". Lo dichiarano in una nota Marco Miccoli (segretario Pd Roma), Umberto Marroni (capogruppo Pd in consiglio comunale) e Andrea Santoro (segretario Pd XII municipio).


Peccato che qualcuno, anche il PD, invece di rincorrere le scemenze di quest'uomo proponendo di organizzare loro un referendum, dovrebbe spiegare ad Alemanno che un Sindaco non può proporre un referendum. ART. 55- Referendum. Comma 2. Il Referendum può essere promosso dal Consiglio comunale o da un Comitato di cittadini, con le modalità stabilite dallo Statuto e dal Regolamento, su materie di esclusiva competenza locale.

domenica 5 dicembre 2010




Fiorisce il futuro laddove sono state abbattute le abitazioni. Sotto la terra ancora vivono i pavimenti delle case di chi non c'è più.

L’Idroscalo di Ostia, che sorge sulla sponda sinistra della foce del Tevere, è un luogo dove si depositano molti materiali, dal legno alla plastica, più volgarmente denominati rifiuti urbani che non vengono raccolti né da chi li getta, né dagli enti preposti. Per questa ragione in occasione del Natale, il primo dopo l’umiliante sgombero del 23 Febbraio, abbiamo deciso di intraprendere un percorso collettivo di recupero del “rifiuto” per dargli diversa dignità e forma. Costruiremo con quello che il Tevere ci porta un albero di Natale ecosostenibile nella piazza della vergogna. Sarà il primo atto di un vero (il nostro sì) progetto di riqualificazione che la Comunità dell’Idroscalo porterà avanti nei prossimi mesi
. Chiunque voglia far parte di questo progetto è il benvenuto all’Idroscalo di Ostia. Più saremo e più bello sarà il risultato. Vi aspettiamo ! (da: www.comunitafocedeltevere.it)

Se Verdini se ne frega ...

venerdì 3 dicembre 2010

Brogli Democratici nel XIII Municipio

“QUALCUNO STA' INSISTENTEMENTE INSINUANDO CHE ALCUNE PERSONE AL CIRC. SAN GIORGIO NON HANNO POTUTO ESPRIMERE IL LORO DIRITTO AL VOTO. QUESTO EPISODIO PALESEMENTE FALSO GETTA FANGO SU PERSONE CHE QUOTIDIANAMENTE DEDICANO TEMPO AI CITTADINI DI QUEL QUADRANTE RICEVENDO IN CAMBIO VALANGHE DI CONSENSI. COMPLIMENTI PER IL R...ICORSO CHE E' SQUALLIDO COME CHI LO HA PRESENTATO. ANDREA TASSONE CAPOGRUPPO PD ROMA XIII”.

Così scrive urlante, il 30 novembre, Tassone, sulla sua bacheca di Facebook, avara di qualunque tipo di informazione, ma piena zeppa di link musicali al motto di “canta che te passa”. Quel qualcuno non viene nominato, ma l’indomani esce un articolo sul Giornale di Ostia ‘vicino-vicino’ all’Ass. Davide Bordoni con tanto di nome e cognome: Marco Belmonte. Secondo quanto viene riferito, Belmonte avrebbe chiesto al garante di controllare le votazioni al circolo Stagni-Madonnetta (nell’area in cui ci sarebbero stati 200 transfughi in VIII Municipio) perché gli appare impossibile non aver preso nemmeno un voto.

Sembrerebbe anche che la tabellina riassuntiva dei voti riportata da Andrea Storri sul suo blog, e qui riprodotta, non sia nemmeno corretta in quanto lo scarto dei voti assoluti tra Storri e Belmonte è di soli 29 voti e non 35. Insomma, un fotofinish.

Tra le varie ‘amene curiosità’ ve n’è un’altra: ci sarebbero diverse persone che sono andate a votare al circolo di Ostia Centro “su richiesta” senza essere tesserate al Partito Democratico, ma il garante ha chiuso un occhio mentre con l’altro prendeva gli estremi dei loro documenti.

L’unica cosa garantita è che si va 'democraticamente' di male in peggio.

giovedì 2 dicembre 2010

XIII Municipio: "Ville di Massimo", una faccenda con ancora molti lati oscuri

Mentre ancora indaga la Procura di Roma, intervenuta con il nucleo di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri, e si vocifera di una proroga dei termini del sequestro, è bene fornire alcuni chiarimenti sulle vicende de "Le Ville di Massimo" in Via del Fosso di Dragoncello. L'area sottoposta a sequestro il 18 novembre 2010 è oggetto di indagini per valutare se esiste un reato edilizio, punibile ai sensi dell’art.44 DPR 6.6.2001 n.380 (Testo unico in materia edilizia), che testualmente recita: "Salvo che il fatto costituisca più grave reato". In altre parole, potrebbe configurarsi anche il reato, per esempio, di truffa, mentre già esisteva sulle modalità di vendita il sospetto di pubblicità ingannevole. Infatti veniva reclamizzato come "Cantiere Fronte Casal Palocco" quando Casal Palocco è distante circa 3 km. L’area de “Le Ville di Massimo” è denominato nel Nuovo PRG come ATO R20, cioè un Ambito di Trasformazione Ordinaria, dunque area libera già edificabili secondo il PRG del 1962 alle quali si conferma il carattere di edificabilità. L’ATO R20 in particolare ha una Superficie Utile Lorda (SUL) di 13.338 mq, essendo nel PRG del 1962 una sottozona G3 (case unifamiliari con giardino). Di questa, il 70% deve essere area di concentrazione edilizia e verde privato con valenza ecologica, il 30% verde e servizi pubblici.
Ora l'ATO è uno strumento urbanistico esecutivo di iniziativa privata: possono partecipare solo i proprietari che rappresentino la maggioranza assoluta del valore catastale degli immobili interessati. Ebbene, il 25 maggio 2006 l'Assessore ai Lavori Pubblici, Urbanistica e Viabilità del XIII Municipio, Enrico Farina (Forza Italia), informava il Dipartimento VI del Comune di Roma che il progetto depositato presso il XIII Municipio il 23 maggio 2006 dalla Società Consorzio Imprese srl era, in prima analisi, congruente con quanto già deliberato dal Municipio stesso. In realtà gli elaborati presentati dalla Società Consorzio Imprese srl a firma dell'architetto Serena Menghini (estratti di PRG, zonizzazioni e inquadramenti infrastrutturali), non rappresentavano un vero progetto preliminare. Servivano solo per presentarsi come ‘proprietario a maggioranza assoluta‘ dell’area al Comune di Roma, dichiarando di detenere il 72% delle particelle catastali. Era insomma, come la stessa Consorzio Imprese srl scriveva, un "progetto di larga massima". Il 1° giugno 2006 lo stesso "progetto" veniva protocollato al Dipartimento VI (prot. 9522) da parte del Geometra Paolo Lentini, amministratore unico della Consorzio Imprese srl, con sede in via Ermia di Atarneo 1/A. Nel documento però si precisava: "il sottoscritto fa presente che attualmente sono in corso trattative per l'acquisizione di altre aree interessate dal Piano Urbanistico".

Il Dipartimento VI del Comune di Roma, nel frattempo, avviava l’iter istruttorio, e poiché la Consorzio Imprese srl non raggiungeva il 75% della proprietà dell’area, riteneva non ammissibile la richiesta comunicando in tempo di Legge tale circostanza alla Società con nota prot. 13402 del 3 agosto 2006 e successivamente con nota prot. 2210 del 1 febbraio 2007. Tali note non sono però mai state restituite al Dipartimento VI, né è mai giunta comunicazione di cambio di sede sociale da parte della società. Al contrario, la Consorzio Imprese srl, ha sostenuto di non avere mai avuto risposta da parte del Comune.

Senza alcuna risposta, dopo 4 mesi (120 giorni), la Consorzio Imprese srl avrebbe però dovuto e potuto per Legge reclamare già al Comune di Roma il proprio diritto ad avere una risposta. Invece già dal settembre 2006 è comparso il cartello delle vendite, con relativa vendita sulla carta dei villini (consegna prevista: ottobre 2007). Il cartello del 2006 non riportava nemmeno l'indicazione de "Le Ville di Massimo" e faceva addirittura riferimento alla "Legge obiettivo" 443/01, cioè alla "Delega al Governo in materia di infrastrutture ed insediamenti produttivi strategici ed altri interventi per il rilancio delle attività produttive". Un complesso edificatorio è un'opera strategica ?

Ma la cosa più strana è che la Consorzio Imprese srl non ha mai avuto sede legale in quella via. Dal fascicolo storico della società, presso la C.C.I.A.A. di Roma, risulta infatti che da Via Tespi, 3 (18.12.2000, atto costitutivo), la sede legale si è spostata in Via Timocle 60 il 14.05.2007 per poi spostarsi il 24.03.2010 in Via Pindaro 82 (mantenendo però sempre lo stesso telefono: 06-50918586).
Perché allora l’indirizzo di Via Ermia di Atarneo 1/A ? Perché a quell’indirizzo risulta Diego Lentini, fratello di Paolo Lentini (che risiede in via Canale della Lingua, 76). Diego è stato Amministratore Unico della Consorzio Imprese fino al 20.07.2002, data in cui poi subentrò Paolo. Entrambi, hanno eletto residenza poi nello stesso lotto che è una piccola porzione dell’area demaniale (12 ettari) appartenente alla Sede operativa di Castel Fusano dell’Ufficio per le Biodiversità del Corpo Forestale dello Stato, in Via Canale della Lingua, 74.

Dunque, dal 2006 si sta vendendo qualcosa che non c'è, riportando informazioni ingannevoli (sbagliata la sede legale, nessuna opera 'strategica', tempi di consegna dilatati, localizzazione errata). Aspettiamo l'esito delle indagini della Procura, sperando che tutto questo venga chiarito, così come la vicenda delle comunicazioni del Comune di Roma, mai pervenute (anche perché erano indirizzate a una sede legale mai esistita). Dal canto nostro invieremo alla Polizia Giudiziaria questa nota informativa.

lunedì 29 novembre 2010

PD XIII: Andrea Storri è eletto segretario municipale

Immagine tratta da: http://www.storri.net/

Ecco il risultato finale in termine di voti assoluti dei congressi del PD nel XIII Municipio.

Alcune osservazioni: all'Infernetto, un quartiere con oltre 35.000 abitanti hanno votato in 34, cioè meno dello 0.0001% della popolazione. All'Infernetto comunque riconfermato con 32 voti Carlo Serraglia, uomo di Lelli, area Popolari. Il PD ancora una volta dimostra di essere veramente democratico e aperto a tutti: anche i fantasmi hanno il loro congresso. Serraglia dunque viene riconfermato perché ha lavorato benissimo in un circolo che ha meno di un quarto degli iscritti di quelli che lo hanno aperto nel 2008.

Ma il congresso non va meglio al circolo di Casal Palocco, ex coordinatore Emiliano Boschetto, in cui hanno votato in 45.
Andrea Storri è dunque eletto segretario municipale: già capogruppo dei DS e poi del PD, ex collaboratore di Esterino Montino, Vice Presidente alla Regione con delega alla Sanità nella giunta Marrazzo, da 3 anni è segretario del circolo di Acilia, dove perde però contro Marco Belmonte. In realtà vince solo in tre circoli di Ostia (il 4°, quello di Giuseppe Sesa perde).
Belmonte invece ha una lunga esperienza nei moderati dell'UDC, dove ha ricoperto incarichi a livello nazionale del direttivo giovanile, nel 2006 l'adesione nel PD, attualmente è presidente della Comm. Controllo e Garanzia e vicino al consigliere regionale Di Stefano. Il cugino lavora per Ciocchetti.

Andrea Storri, il nuovo che avanza o il vecchio che ritorna ?


sabato 27 novembre 2010

Decentramento XIII Municipio: false le dichirazioni di Alemanno sulla delibera

“Non esiste alcuna deliberazione della Giunta del Comune di Roma che riguarda il decentramento amministrativo del XIII Municipio. Basta sfogliare l'elenco pubblico delle delibere, dal 23 novembre 2009 fino ad oggi, non c'è nulla” – dichiara Paula de Jesus, urbanista di LabUr ed esponente del PD – “Alemanno ha preso in giro non solo i cittadini di Ostia, ma tutta Roma. La pantomima del 24 novembre 2009, con tanto di banda dei Vigili Urbani, riposizionamento dell'aquila nel Palazzo del Governatorato, tricolori insieme alle bandiere del Popolo di Roma, al modico costo di quasi 300 mila euro deve essere smascherata”.

A un anno di distanza e tre dalle promesse in campagna elettorale Alemanno dichiara ieri davanti alle telecamere di Canale 10 "Ci siamo. E' questione soltanto dell'ordine del giorno del Consiglio Comunale dell'Assemblea Capitolina che c'ha già iscritta la delibera che è stata approvata in Giunta che è già stata concordata con il XIII Municipio, con il Presidente Vizzani. Adesso si tratta soltanto di avere il tempo materiale per votarla. Quindi da questo punto di vista ogni settimana può essere buona. La delibera sarà fatta nel giro di poche settimane o al massimo di 2 mesi e quindi entro il mese di Gennaio".

“Non c’è alcuna autonomia né fiscale né urbanistica del XIII Municipio, neppure la competenza nel rilascio delle licenze per gli stabilimenti balneari” - prosegue la de Jesus – “Esiste solo un ‘Regolamento Speciale del Decentramento Amministrativo nel XIII Municipio’, che non ha alcun valore. Infatti, secondo il diritto amministrativo, i regolamenti possono essere approvati solo con delibera del Consiglio Comunale. Siamo stanchi di questi piazzisti, disposti a tutto solo per attirare ad Ostia i capitali stranieri degli sceicchi arabi per l'altro teatrino denominato waterfront”.

“Non solo è stato grottesco un anno fa il pianto a dirotto del Presidente del XIII Municipio, G. Vizzani, mentre la giunta di Alemanno fingeva di approvare il regolamento suddetto, ma ancora più grave l’affermazione, falsa, dell'Ass. al Decentramento Amministrativo, Enrico Cavallari, che in un comunicato stampa parlò di "approvazione della delibera sul decentramento amministrativo nel XIII Municipio". Si è persino affermato in quella occasione che quella votazione avrebbe revocato la Deliberazione del Consiglio Comunale n. 281 del 28 ottobre 1992, vale a dire l'unico vero decentramento amministrativo per Ostia esistente e voluto da Marco Pannella, al tempo di Franco Carraro, Sindaco di Roma. Alemanno la finisca di prendere in giro i cittadini del XIII Municipio e venga ad Ostia a confrontarsi con loro invece di scappare, come ha fatto anche il 21 novembre scorso, solo perché impaurito dalle contestazioni di chi è stufo di sentirsi raccontare ogni settimana guitterie di ogni tipo, dal passaggio mai avvenuto di aree demaniali a roboanti progetti faraonici irrealizzabili. Non potrà, come per Tor Bella Monaca, rifugiarsi in un’aula universitaria” – conclude la de Jesus.

venerdì 26 novembre 2010

Valle dell'Aniene: prove tecniche di illusionismo di Bonifaci

“Dopo aver letto sul blog del Comitato Parco Aniene Città Giardino che era in atto una compensazione, ho acquisito tutti i documenti sulla vicenda. Insieme con due urbanisti abbiamo scoperto che l’area compresa tra il Ponte Nomentano e via Favignana, di proprietà della società Ostilia srl, è considerata dal Piano Regolatore zona N-verde pubblico. Su questa decisione la società del gruppo Bonifaci ha fatto due ricorsi al Tar che di fatto bloccano qualsiasi possibilità di costruire cubature e fare orti come paventato da RomaNatura. Appare quindi dannosa la procedura della compensazione edilizia richiesta dalla proprietà ed accettata dal IV Municipio, poiché Ostilia non può fare nulla su quel terreno. Pertanto i vari progetti con cui si è cercato di spaventare i cittadini sono soltanto un bluff” lo dichiara in una nota Riccardo Corbucci, vicepresidente del consiglio del IV Municipio.


“Vorrei chiedere ai cittadini ed al Comitato Parco Aniene Città Giardino di tenere sempre a mente una circostanza: la società Ostilia srl, proprietaria dell’area compresa tra il Ponte Nomentano e via Favignana, ha da sempre cercato di edificare l’area in questione. La vicenda degli orti, quindi, è stata semplicemente utilizzata strumentalmente come grimaldello, per spaventare i cittadini e continuare a chiedere al Comune di Roma e al IV Municipio una compensazione che non ha alcuna ragione di essere, perché già sconfessata in passato dalle controdeduzioni al Piano Regolatore Generale del Comune di Roma. Oggi il rischio è che il Presidente Cristiano Bonelli ed il Comune di Roma, strumentalizzando la giusta battaglia dei cittadini per la tutela di un’area verde già però destinata a zona N-verde pubblico nel Piano Regolatore, possano procedere ad una compensazione illegittima che potrebbe addirittura ricadere sul cambio di destinazione d’uso da commerciale a residenziale di Piazza Minucciano” continua Corbucci.

“Per far comprendere meglio la questione, dobbiamo raccontare la storia fin dal principio, cosa che l’amministrazione Bonelli si è ben guardata dal fare. Il vecchio Piano Regolatore Generale del Comune di Roma, adottato dal Consiglio Comunale il 18 dicembre del 1962, è stato approvato con Decreto del Presidente della Repubblica il 16 dicembe del 1965 (pubblicato sulla GU n.36 11.02.1966) apponendo modifiche, prescrizioni e stralci specificati nelle premesse contenute nel DPR stesso. In particolare, gli stralci hanno riguardato parti del Piano non approvate dal Ministero dei Lavori Pubblici, per le quali si chiedevano nuove soluzioni, spesso indicate nello stesso Decreto, ma sempre soggette a nuova adozione da parte del comune di Roma” spiega Corbucci “nell’allegato 2 sono stati elencati i casi in cui il Comune non ha ritenuto di accogliere le richieste del DPR”.

“Tra questi compare la convenzione “Aniene di Levante”, per la quale il DPR chiedeva che la cubatura massima venisse ridotta del 50% rispetto a quella originariamente prevista. Tale convenzione della società Ostilia srl, che ricopre l’area del Parco dell’Acqua Sacra, è rimasta ‘in itinere’ fino al 31 ottobre 1997, quando la Ostilia srl ha presentato (con prot. n.377/PS) l’opposizione n. 181 contro la Variante Generale al PRG adottata con la deliberazione del Consiglio Comunale n. 92 del 29 maggio 1997, denominata “Piano delle Certezze”.

“L’area in questione è di circa 30 ettari, con una edificabilità di 175 mila mc, trasformata a zona N(Verde Pubblico) dal Piano delle Certezze” spiega Paula De Jesus, urbanista, “L’Ostilia srl ha contestato questa decisione in tre punti:
1) la modifica urbanistica sarebbe solo competenza dell’organo gestore del parco e della Regione Lazio;
2) la nuova destinazione vincolistica non corrisponde al concetto di tutela attiva della legge Galasso (i valori ambientali possono convivere con le previsioni edificatorie);
3) l’ampliamento della zona N-verde pubblico, operato con la variante, è sproporzionato rispetto agli standard di PRG della zona considerata.

L’Ostilia srl propose due alternative:
1) cedere ed attrezzare l’intera area golenale (2/3 del comprensorio) ripristinando la previsione urbanistica, potebdo quindi costruire su almeno una parte dell’area;
2) ottenere compensazioni nell’ambito dei Progetti Urbani (art.2 legge 179/92, art.11 legge 493/93);

“La controdeduzione del Comune fu la seguente: premesso che l’area
1) è interna alla Riserva Naturale Valle dell’Aniene istituita con Legge Regionale n.29 del 6 ottobre 1997;
2) è interessata dai vincoli paesaggistici di cui ai punti C e F dell’art.1 della legge 431/85;
3) è assoggettata dal PTP n.15/9 Valle dell’Aniene alla tutela orientata, con Delibera del Consiglio Comunale n.176 del 9 novembre 2000;
l’osservazione non viene accolta in quanto contrastante con i principi informatori del Piano delle Certezze e perchè le ragioni poste alla base dell’osservazione tendono a tutelare il diritto della proprietà privata invece che la tutela degli interessi pubblici prevalenti”.

“Inoltre con delibera di giunta della Regione Lazio n. 856 del 2004 venne definitivamente confermata la destinazione a zona N-Verde Pubblico così come avvenne per il Nuovo Piano Regolatore, approvato con delibera comunale n. 18 del 12 febbraio 2008, che incluse l’area nel ‘sistema ambientale e agricolo’, componente “Aree naturali protette nazionali e regionali” continua Corbucci “su entrambe queste decisioni la società Ostilia ha presentato due ricorsi al Tar del Lazio (RG 50/2005 e RG 176/2004″.

“Il 7 agosto del 2009 e siamo ai giorni nostri, la società Ostilia pur non avendo in mano alcun titolo da vantare nei confronti del Comune di Roma ha comunqur formulato all’amministrazione una proposta di transizione per risolvere il contenzioso posto in essere con i ricorsi al Tar del Lazio” spiega Corbucci “la cosa inquietante è che la Ostilia, società del gruppo Bonifaci S.p.A., ha richiesto una compensazione urbanistica su un’area ormai salvaguardata e dove è impossibile edificare”.

“Nonostante la proposta di edificazione sia stata stralciata nel 1965 e l’area tutelata ulteriormente con il Nuovo Piano Regolatore del 2008, la proprietà sta cercando di riprovarci agitando nei confronti dei cittadini lo spauracchio degli orti urbani, ben sapendo che sul quel terreno non è possibile mettere alcuna rete o cinta perimetrale che precluda l’utilizzo pubblico del verde da parte dei cittadini” continua Corbucci. “Inoltre viene il forte sospetto che la società Ostilia del gruppo Bonifaci, possa ottenere la compensazione, già ufficialmente richiesta il 3 febbraio del 2010 (prot. 051/10/UT/LC/VC), nell’ambito dei Progetti Urbani di Riqualificazione che ci fanno subito tornare in mente l’art. 11 Fidene Valmeliana, dove l’intervento edificatorio che interessa la zona di Piazza Minucciano è di proprietà di un’altra società del gruppo Bonifaci. In questo caso la proprietà ha legittimamente un’autorizzazione a costruire cubatura commerciale, ma nonostante questo continua a chiedere con insistenza un cambio di destinazione d’uso a residenziale a parità di cubature. Una richiesta che fino ad oggi è sembrata incomprensibile ed impraticabile, ma che potrebbe celare l’intenzione di mettere sul piatto della bilancia la cessione di alcune aree, come ad esempio quella del Parco dell’Aniene, al fine di ottenere la cubatura richiesta. Come a dire ti cedo un’area verde dove non posso edificare nulla e che anzi dovrei attrezzare a parco pubblico e tu in cambio mi regali metri cubi di residenziale in un’area in cui potrei costruire solo commerciale. Un vantaggio a senso unico per i costruttori, con il rischio di mettere i cittadini gli uni contro gli altri, nella difesa dei singoli quartieri, privati di una visione più complessiva dell’intera vicenda” continua Corbucci.

“In conclusione l’area a verde pubblico compresa tra il Ponte Nomentano e via Fagnana gode di tutti i vincoli possibili. Non vi possono esser fatte edificazioni. Non vi possono essere installati orti perimetrati ed affidati a chicchessia che la sottraggano al verde pubblico ed al pubblico utilizzo. Difatti la paventata rete non è stata mai installata poichè sarebbe stato un vero e proprio abuso. E in sintesi, infatti, alla Ostilia non interessa nulla di quell’area poiché vorrebbe una compensazione residenziale in altre zone, pur sapendo di non aver alcune titolo per ottenerla. Il rischio è che sostenere la posizione dell’amministrazione di centrodestra di Bonelli sulla compensazione edilizia, votata in municipio con l’ordine del giorno presentato dalla consigliera Jessica De Napoli, possa portare altro cemento ingiustificato in un’altra zona del Municipio. Sarebbe addirittura paradossale se poi quella zona fosse proprio Piazza Minucciano, sempre di proprietà del gruppo Bonifaci” conclude Corbucci “al comitato Parco Aniene Città Giardino chiediamo quindi di continuare a combattere, e noi saremo al loro fianco, per la difesa del verde pubblico senza però perorare l’idea di una compensazione edilizia ingiustificata che serve soltanto a promuovere una speculazione da parte della proprietà. Fino a che sono in discussione i due ricorsi al Tar sull’area non si potrà fare nulla, ne edificazioni ne orti. Questa è la verità, i progetti di Ostilia sono solo un bluff”.

da: http://riccardocorbucci.wordpress.com/2010/11/26/valle-dellaniene-corbucci-pd-i-cittadini-non-cadano-nella-trappola-della-compensazione-proposta-dai-costruttori-ed-avallata-dal-centrodestra/

martedì 23 novembre 2010

Il 'pacco' dono di Alemanno e Vizzani

Tanti auguri, Mr. President.

Domani, 24 novembre, è infatti il primo anniversario della “giornata epocale” del finto decentramento amministrativo, promesso da Lei e da Alemanno in campagna elettorale e che, dopo un anno, il Sindaco doveva calendarizzare il 2 novembre 2010. In effetti ormai ha fatto epoca.

L’ennesimo 'pacco' (dono) pieno di tante roboanti promesse e progetti faraonici venduti tutti con lo slogan “impegno mantenuto”, tipici del ‘partito del fare’, che crede che ripetendo una bugia tante volte essa diventi una verità. Come quella del passaggio delle aree demaniali al Comune di Roma (dato per sicuro il 30 ottobre) o l’inizio dei lavori della scogliera a difesa dell’abitato dell’Idroscalo di Ostia (il 15 novembre, ma non c’è nemmeno uno scoglio in mare), o come il grande bluff dei lavori sulla C. Colombo o il Ponte della Scafa. Numeri dati a vanvera che viste le grame casse del Comune i cittadini si giocheranno al Lotto per farne dono, in caso di vincita, all’amministrazione.

Auguri dunque Mr. President, perché ne avrà bisogno e non potendo chiedere a Marilyn Monroe di cantarle gli auguri, noi la invitiamo a guardare su youtube le decine di filmati che testimoniano la sua incapacità a rispondere alle domande dei cittadini e ai bisogni di questo territorio.


Simona Mignozzi, coordinatore municipale Idv XIII Municipio

Leonardo Ragozzino, coordinatore SEL Ostia Levante

Paula de Jesus, dirigente del PD

Giulio Notturni, Presidente Associazione Culturale Colere Cultura

Davide Pifferi, Presidente Comitato Civico 2013

Andrea Schiavone, Presidente LabUr - Laboratorio di Urbanistica

venerdì 19 novembre 2010

XIII Municipio: il pessimo teatrino di maggioranza e opposizione

Una settimana ricca di colpi di scena nel XIII Municipio.

Si inizia giovedì 11 novembre con una seduta consiliare di 14 ore che approva oltre 200 mila mc di cemento del costruttore Parnasi. Nessun progetto, ma solo un baratto tra le cubature provenienti da Tor Marancia e Monte Arsiccio e opere pubbliche tecnicamente irrealizzabili. Durante il consiglio, devono intervenire i Carabinieri perché il clima è molto teso: volano parolacce e insulti tra i consiglieri, alcuni arrivano persino alle mani. Saltano gli accordi pre-consiglio. Tre voti dell’opposizione, dati per favorevoli, diventano contrari e i tre contrari della maggioranza di centro-destra diventano astenuti. Nelle 14 ore si susseguono un numero imprecisato di sospensioni, decine e decine di telefonate ai propri referenti in Regione, minacce di dimissioni da parte del Presidente del Municipio, Giacomo Vizzani, urla persino nella stanza anche dell’opposizione, di chi è stufo di sentir parlare delle telefonate del consigliere regionale Marco Di Stefano. Pressioni di ogni sorta, finché alle 6 del mattino lo schema di delibera viene approvato senza che i capigruppo facciano la dichiarazione di voto e soprattutto contro il parere dei cittadini che hanno gremito l’aula Massimo di Somma.

Siamo a giovedì 18 novembre, consiglio che verte sull’ampliamento del Porto di Ostia. Un porto a rischio esondazione che l'Autorità di Bacino autorizza ad ampliarsi. Ennesimo progetto su cui la cittadinanza non viene coinvolta, come invece dovrebbe essere per legge, alla faccia dell’urbanistica partecipata di cui si riempie sempre la bocca questa amministrazione di centro-destra. Tutto sembra deciso e invece accade un nuovo incidente: il capogruppo del PdL, Salvatore Colloca, interviene parlando di trame oscure nel PD che minano gli accordi presi con la maggioranze e che prevedevano l’unanimità di un voto a favore. Il consigliere del PD, Paolo Orneli si innervosisce. Al momento della votazione, 5 del PD votano contro, due si astengono, tra cui il capogruppo, che dichiarerà, fuori dal palazzo del governatorato, che se i referenti in Regione sono a favore lo deve anche essere il PD del Municipio, è una questione di coerenza di linea politica. Passa l’ampliamento del Porto, malgrado ci siano ben 108 cittadini che protestano, ma il fatto grave è che viene votata una Decisione di Giunta Comunale che i consiglieri non avevano ricevuto. Tutti lo sanno, ma nessuno dice niente.

Almeno una domanda sorge spontanea: ma se tutto è approvato da Roma o in Regione, loro in Municipio che ci stanno a fare ?

Questi i comunicati stampa delle Associazioni testimoni dell’ultima grottesca e maleodorante vicissitudine consiliare.

Comunità Foce del Tevere - Ostia: si allarga il porto e si allaga l'idroscalo per colpa del porto - Il XIII Municipio si è riunito ieri in consiglio per esprimere un parere favorevole sull'ampliamento del porto dimenticando una corretta e imparziale amministrazione del territorio. Questa l'arroganza del XIII Municipio il cui Presidente abbandona l'aula, davanti a 108 persone che gli chiedono di vedere i progetti di riqualificazione dell’Idroscalo e dell’ampliamento del Porto, ma vi rientra, dopo due ore e mezza, per votare il progetto dell’ampliamento senza curarsi dell'impatto che avrà sull'Idroscalo. Nei 10 minuti in cui è stato in aula si è persino compiaciuto dei controlli (illegittimi) operati verso i residenti dell'Idroscalo, come se l'Italia si fosse trasformata in uno stato di polizia, affermando "Non sono stato io a mandare nei giorni passati la Polizia Municipale a fare i controlli all'Idroscalo, anche se ne ero al corrente. Però concordo con questo modo di fare e vi informo che sono stati eseguiti anche controlli legali e tributari su tutte le persone residenti in quel posto". Questo ci sembra inaccettabile e controlleremo la veridicità di tale affermazione rilasciata in un luogo pubblico, riservandoci di adire alle vie legali qualora si ravvisassero gli estremi per un abuso d'ufficio, come previsto dall'art. 323 del codice penale. Dopo che Alemanno è entrato con i manganelli nelle nostre case lo scorso 23 febbraio, attendiamo da 9 mesi che il primo cittadino di questo Municipio, che dovrebbe essere il rappresentante di tutti i cittadini, smetta di mostrare il progetto del waterfront di Ostia agli sceicchi danarosi e lo mostri prima di tutto ai cittadini. Riteniamo le affermazioni fatte in aula ieri lesive nei confronti della comunità dell'Idroscalo. Dopo il consiglio di ieri pomeriggio, prendiamo atto che l’amministrazione vuole parlare con la Comunità dell’Idroscalo solo di sgomberi per portarla nelle nuove case previste sempre in area a rischio esondazione.

LabUr - Porto di Ostia: l'ampliamento cancellerà l'Idroscalo ? - L'espressione favorevole del XIII Municipio per l'ampliamento del porto di Ostia, testimonia una profonda incapacità amministrativa, decisionale e tecnica che deve ormai essere denunciata. Il consiglio municipale riunitosi ieri pomeriggio (con più di un'ora di ritardo, senza presentare il progetto) era stato preceduto in mattinata da una seduta della Commissione Urbanistica, alla presenza dei progettisti privati e di Aldo Papalini, direttore dell'Ufficio Tecnico del XIII Municipio, nonché del Presidente del XIII Municipio, Vizzani, e dell'Assessore all'Urbanistica, Pallotta. Alla specifica domanda rivolta da LabUr, circa il rischio di esondazione cui sarebbe sottoposto il vecchio e nuovo porto, così i privati hanno risposto: "Abbiamo avuto parere favorevole dall'Autorità di Bacino del fiume Tevere (ABT) in funzione del progetto del partitore di Capo due Rami, assumendoci noi, quando sarà realizzato, gli oneri di costruzione di un canale scolmatore e di un bacino di raccolta, sempre dentro la nostra area, prima dei cantieri navali Rizzardi, su via dell'Idroscalo". Quindi l'ABT, pur sapendo che il porto di Ostia è già in area esondazione, ne autorizza addirittura un ampliamento giustificando la decisione in funzione del partitore di Capo due Rami, un progetto mai realizzato che risale a prima del 1983, che forse mai si farà e che si riferisce al punto in cui il Tevere, venendo da Roma, si biforca nel Canale di Fiumicino e nel ramo di Fiumara Grande (zona chiamata appunto Capo due Rami). Si tratta dell'intervento TE19 del Piano di Stralcio 5, dal costo complessivo di 25 milioni di euro e che consiste in "opere di regolazione dinamica del livello idrico in alveo, mediante realizzazione di una traversa mobile a scomparsa sul fondo dell’alveo, asservita alla misura della portata transitante nel canale navigabile". In pratica, se si dovesse verificare la piena di riferimento ultracentennale del Tevere, tutta l'acqua verrebbe convogliata per il ramo di Fiumara Grande, essendo il Canale di Fiumicino privo di argini nel tratto dell'abitato. Ciò comporta che, alla foce di Fiumara Grande, su entrambi i lati, gli abitati dell'Idroscalo di Ostia e di Passo della Sentinella devono essere demoliti per consentire il massimo deflusso del fiume. La situazione dei 2 abitati viene poi peggiorata proprio dall'ampliamento del porto. Lo ha affermato la stessa ABT (prot. n.3711/C del 7 Novembre 2009), chiedendo che l'intestazione del nuovo molo non alteri il deflusso di piena, ma aggiungendo anche di stabilire "livelli di priorità per assumere procedure delocalizzative della stessa zona complessiva dell'Idroscalo di Ostia". Tradotto, poiché il molo ha finito per intestarsi nella fascia di deflusso AA, si devono 'delocalizzare' le 'costruzioni abusive attuali' (così viene chiamato l'abitato da parte dell'ABT). Tutto questo è riportato nella Decisione di Giunta Comunale, nr.95 del 20 Ottobre 2010 su cui il XIII Municipio ha espresso 16 voti favorevoli (tutta la PdL, Vizzani e UDC), 5 contrari (PD), 2 astenuti (PD, tra cui il capogruppo). Ma l'aspetto più grottesco e grave della questione è che la Dec.G.C n.95 non era nota ai membri della Commissione Urbanistica né al Presidente Vizzani fino alle ore 11:48 di ieri, quando noi di LabUr abbiamo gentilmente concesso al consigliere Stornaiuolo (PdL) di farne una fotocopia (ma solo della pagina 3) per portarla a Vizzani che non la trovava. La stessa Dec.G.C n.95 era però quella su cui si doveva votare alle 15:15 della stessa giornata, essendo stato calendarizzato il consiglio ben 15 giorni prima. Aggiungiamo che durante il consiglio, S. Pannacci, Presidente della Commissione Urbanistica, ha dovuto leggere la nota dell'ABT informando i consiglieri presenti che non l'avevano ricevuta e aggiungendo che comunque dall'elaborato R10 ('Analisi di fattibilità Idraulica') non risultavano cambiamenti del 'valore idrodinamico' del fiume dovuti all'ampliamento del porto. Peccato che tutti si siano dimenticati che il parziale sgombero dell'Idroscalo, avvenuto il 23 febbraio 2010, era stato organizzato (come ha detto davanti alle telecamere l'Ass. all'Urbanistica del Comune di Roma, M. Corsini) già da fine 2009, abbattendo le case proprio in prossimità della intestazione del nuovo molo. Insomma il sospetto che 'le procedure delocalizzative' per l'abitato dell'Idroscalo, siano iniziate e siano dovute al nuovo porto, rimane più che fondato. Ma il Municipio XIII se ne lava le mani. Quello che è certo è che il nuovo braccio prosciugherà la spiaggetta dell’Idroscalo, dove sarà possibile così costruire un bel parcheggio.


OSTIA SpA: Alemanno scompare ma il flash mob rimane


OSTIA SpA: Alemanno scompare ma il flash mob rimane: "'Famose du' spaghi!' Doveva essere una sorpresa, ma l'abbiamo saputo. Però l'ha saputo pure lui. Quindi, per la serie 'io so che tu sai ch..."

OSTIA SpA: Ostia S.p.A Flash-Mob domenica 21 novembre



OSTIA SpA: Ostia S.p.A Flash-Mob domenica 21 novembre: "Flash-Mob contro gli ordini di Roma. Il XIII Municipio si ribella e domenica 21 novembre, in una località non precisata, ma molto frequentat..."

lunedì 15 novembre 2010

Ostia: il porto è a rischio esondazione ma in Municipio se ne vota l'ampliamento.

"Ad Ostia, manca la messa in sicurezza per eventuali esondazioni del Tevere. La colpa è della burocrazia, non dei politici. Per realizzare l'argine mancante ci vorranno 18 mesi dall'inizio lavori. Tra 2 settimane aggiornerò i cittadini sulla situazione". Così l'ex-Ass. all'Urbanistica del XIII Municipio, oggi 'al Cemento' , Renzo Pallotta, il 2 settembre 2010, durante il consiglio straordinario su Nuova Ostia. Mentre ancora aspettiamo, giovedì 18 novembre, il neo Ass. al Cemento sosterrà a gran forza la proposta di delibera di giunta per l'ampliamento del Porto di Ostia, costruito proprio in area esondazione.
Tutto inizia nel 1998, quando si da inizio al Programma di Riqualificazione Urbana (P.R.U.) di Ostia Ponente, che si avvaleva dei finanziamenti di cui all’Art.2, comma 2, della legge 17 febbraio 1992, n. 179 (Norme per l’edilizia residenziale pubblica). Nel 1998 venne definita l’Opera Pubblica nr.14, il Parco Sportivo di via dell’Idroscalo (alle spalle dell'attuale scuola Amendola) con l’obiettivo di realizzare un nuovo argine da via C. Avegno all’arginatura principale del Tevere, all’altezza dell’impianto di sollevamento del Consorzio di Bonifica. Tale opera era necessaria per la messa in salvaguardia idraulica di Ostia, dichiarata ad alto rischio dal Piano Straordinario di Bacino. Il costo del Parco era di circa 2.350.000 euro nel 2002. L’opera non fu mai realizzata, lasciando così Ostia a rischio esondazione. Nel frattempo Alemanno, il 23 febbraio 2010, si è permesso di entrare con i manganelli all'Idroscalo per fare spazio ai cantieri navali, in nome proprio del 'rischio allagamenti'. Peccato che anche il Porto di Ostia sia a rischio esondazione, eppure il Comune di Roma si esprime a favore di un suo ampliamento, concedendo il permesso a costruire per residence ed alberghi a servizio del porto.
Tutti coinvolti, da destra a sinistra, nell’affaire Porto di Roma, a danno dei cittadini, primi tra tutti i residenti dell'Idroscalo. E questa sarebbe la politica del territorio ?

sabato 13 novembre 2010

XIII Municipio, Infernetto: va in onda il saccheggio da parte di una banda di incapaci.

L'Infernetto è una zona urbanistica del XIII Municipio (13i) estesa per oltre 1000ha, quanto la Pineta di Castel Fusano, solo che è grigia di cemento e non verde di pini. La parte centrale (532 ha) è quella sorta spontaneamente, poi perimetrata nel 1994 (Zona 'O'), grazie a Pannella, ma il cui piano particolareggiato (cioè la definizione di scuole, strade, servizi) non è mai partito. Attorno, negli oltre 500 ha restanti, sta sorgendo di tutto, grazie alla Giunta Alemanno che negli ultimi 3 anni ha ben pensato di aumentare le cubature di quanto già previsto dal PRG. Così le 3 aree di edilizia residenziale pubblica (167) porteranno 2000 abitanti, mentre le due aree di Parco di Plinio e l'ATO I40, 1200, grazie allo strumento delle compensazioni edificatorie, cioè cubature portate da altre aree di Roma e vendute ai costruttori. Il Comune di Roma, non avendo soldi né per gli espropri dei terreni né per costruire alloggi per l'emergenza abitativa, baratta, come è accaduto giovedì in aula consiliare: su di un’area di 22 ha destinata a servizi pubblici consente la costruzione di 200mila mc per 750 appartamenti, cioè altri 3000 abitanti sulla base di uno scarabocchio depositato il 15 marzo 2010, mai discusso con i cittadini. Il baratto prevede lavori sulla Colombo che, se si potranno fare, vedranno la luce forse tra 7 anni. Nel frattempo l'Infernetto continua a crescere, le aree destinate a verde e ad accogliere servizi nel P.P. restano in abbandono e una vasta area, confinante con la Tenuta di Castel Porziano, viene destinata ad un altro sconosciuto progetto urbanistico. Si tratta del Piano Urbanistico Attuativo (iniziativa privata per l'ambito di trasformazione ordinaria (ATO-R17, Ponte Fusano, circa 20ha), presentato al Dip. di Urbanistica in data 15 aprile 2010 (prot. QF7965). Tutto da fare, ma intanto il progettista Arch. G. Messina sta contattando i proprietari dei lotti per l’adesione. Lo stesso sta accadendo per le aree denominate 'Toponimi', alle estremità del quartiere, come Macchione e Ponte Olivella. Il primo toponimo porterà (tra insediati e da insediare) 2.800 persone, il secondo 3.400, in aree agricole dove non si poteva costruire. Poiché è difficile recuperare i servizi necessari a simili insediamenti, il Comune di Roma ha già detto che ne estenderà i confini, invadendo altre zone agricole. Pochi i lottisti che hanno aderito al progetto globale, perché chi ha già costruito aspetta e chi ha solo il terreno non comprende perché mai deve cederne quasi metà per servizi che forse neanche verranno. Per questa ragione il Comune è stato costretto a posticipare la data di consegna dei progetti dal 30 giugno al 31 dicembre 2010. Solo con questo elenco siano a 13.400 abitanti sottostimati. Servizi di quartiere, zero. Basta pensare che nella Zona 'O' mancano ancora il 70% delle scuole previste. Gli abitanti dell’Infernetto oggi sono 40.000, ma il sito web del XIII Municipio, aggiornato al 2001, ne indica 13.054. E siccome gli affari sono affari, nei Patti Territoriali di Ostia del 2002, si inserì anche un mega centro commerciale (oltre 300mila mc) che con Alemanno sta prendendo forma. Così come sta prendendo forma un piccolo presidio dei Vigili del Fuoco (250 mq, grande a malapena per metterci un autobotte) in cambio di 75 appartamenti, che nessuno del quartiere ha chiesto. In un quartiere cul-de-sac, va in onda il saccheggio. Questa amministrazione, nella migliore delle ipotesi, è una banda di incapaci.

(Per l'immagine tutti i diritti sono riservati, copyright LabUr)

giovedì 11 novembre 2010

PD, Circoli Fantasma

PD: in VIII Municipio, presso il circolo fantasma di Ponte di Nona risultano numerosi trasferimenti (circa 200) da “Stagni-Madonnetta”. Alcune delle persone interessate hanno ammesso candidamente di non aver mai visto il circolo dove risultavano iscritte. Probabilmente sono le stesse che girano nei circoli fantasma del XIII Municipio … o forse avranno raccattato dall’VIII. Mah …

mercoledì 10 novembre 2010

Piano Casa Regione Lazio: più che un Piano Casa, un Piano Casotto, cioè un piano di fare quel che mi pare.

Ieri si è tenuta l’audizione presso la Commissione Urbanistica in Regione Lazio con le Associazioni Ambientaliste, Comitati, Associazioni politiche e territoriali e Movimenti su quello che viene definito impropriamente “Piano Casa”. In effetti non si chiama così, bensì più coerentemente “Misure straordinarie per il settore edilizio”, anche perché la dicitura, anche solo giornalistica, di “Piano Casa” è assolutamente impropria in quanto il tema della casa e del diritto all’abitare non è nemmeno contemplato. Tralasciando di fare un’analisi sull’intera proposta di legge, che sarebbe troppo lunga, mi limiterò a soffermarmi sul Capo II-bis, “Ulteriori Misure per il settore edilizio”, art. 7 “Programmi integrati di riqualificazione urbana e ambientale”, ed in particolare sui commi 2 e 7. Premesso che un piano simile dovrebbe riguardare l’intera Regione Lazio e non i singoli casi di Roma, appare una coincidenza poco fortuita che si inserisca questa modifica proprio in un momento in cui si parla della riqualificazione di Tor Bella Monaca.

Vediamo di cosa si tratta.

Comma 2: I programmi integrati di riqualificazione urbana sono volti al rinnovo del patrimonio edilizio e al riordino del tessuto urbano, attraverso interventi di sostituzione edilizia, anche con incrementi volumetrici e modifiche di destinazione d’uso di aree e di immobili, a condizione che la ristrutturazione urbanistica preveda una dotazione straordinaria degli standard urbanistici e delle opere di urbanizzazione primaria.

Comma 7. Gli incrementi di edificabilità e le modifiche di destinazione d’uso di cui ai commi 2 e 3, sono stabiliti coerentemente con gli obiettivi da conseguire, secondo criteri e requisiti di sostenibilità urbanistica e compatibilità ambientale, senza generare, nel complesso, un incremento maggiore del 50% delle volumetrie demolite.

Innanzitutto questo tipo di programmi integrati non dovrebbe essere applicabili laddove sono previsti o addirittura in attuazione altri strumenti urbanistici (Piani di Riqualificazione Urbana, Piani Particolareggiati, Artt. 2 ecc.). E’ necessario infatti che venga completato prima quello che è stato pianificato o in corso di realizzazione. Non è nemmeno pensabile che questi nuovi piani integrati vadano in deroga ad uno strumento in attuazione con il rischio non solo di bloccarlo, ma di creare anche un danno erariale. Non basta dunque che la proposta di legge esiga che dentro ad un’area, in cui sono previste delle densificazioni (dovute a premi di cubatura), ci siano gli standard, perché quell’area è all’interno di un tessuto urbano che è stato regolato sulla base di pesi urbanistici che vengono di fatto stravolti (il piano mobilità ad esempio è stato in programmazione tarato sulla base del numero di abitanti, ma se il loro numero raddoppia le strade, che si diramano da quell’area, avranno un carico di abitanti che è il doppio di quello previsto, per cui cadrebbero di fatto gli standard dei servizi nelle aree limitrofe). Per altro, le opere in attuazione o da attuarsi sono quasi sempre di iniziativa privata. Si avrebbe dunque una situazione al limite del grottesco: il privato che ha fatto (come sempre accade) prime le opere private e che deve ancora realizzare quelle pubbliche potrebbe non essere più in grado di farle o i soldi previsti non essere più sufficienti alla loro realizzazione a causa del maggiore peso urbanistico dovuto alla densificazione.

Inoltre, queste nuove “Misure straordinarie per il settore edilizio” nulla dicono a proposito della monetizzazione degli standard non attuabili, ma semplicemente affermano che sono dovuti. Cosa accade se non sono attuabili ? Senza parlare poi della questione della "delocalizzazione": quando parliamo di Roma stiamo parlando di una metropoli, non di un piccolo centro della provincia di Roma. Delocalizzare pesi urbanistici ad esempio ad Allumiere non è come spostarli a Roma da un quadrante ad un altro o da un Municipio ad un altro. Supponiamo ad esempio che si debbano delocalizzare delle cubature che sono vincolate a stare vicino al trasporto ferrato. Cosa accade se non si trova un’area con questa caratteristica ? Non è dato sapere, perché il documento non specifica nemmeno questo, ma è certo che sarà la collettività a questo punto a pagare il conto. Per altro è presente un’incongruenza in questo fantomatico “Piano Casa”: da una parte si offrono premi di cubatura molto elevati e dall’altra si chiede la massimizzazione degli standard. In sintesi saremmo in presenza di un processo di riqualificazione che ha ovviamente un costo. Questo costo viene compensato con premi di cubatura richiedendo anche la massimizzazione degli standard. Dunque due sono le alternative: o si consuma più suolo o per evitarne il consumo si densifica. Ma con premi di cubatura così elevati (che sul Litorale laziale arrivano anche al 100%) avremmo dei palazzi molto alti e nel caso di Tor Bella Monaca addirittura dei grattacieli. Ma per Bella Monaca Alemanno ha già detto che preferisce seguire la prima strada, smentendo le sue dichiarazioni in campagna elettorale in cui ha sbandierato la necessità di non consumare suolo, ma di privilegiare densificazione.

Inoltre, altro tasto dolente è l’assenza di specifiche sui criteri con cui viene definito un’immobile degradato e dunque passibile di demolizione e ricostruzione con premio: quelli prima degli anni '50 ? Quelli con le facciate esteticamente non gradevoli al politico di turno ? Quelli realizzati da un architetto non gradito ?

Insomma, più che un Piano Casa, sembra un Piano Casotto, cioè un Piano “di fare quel che mi pare”.